Pari opportunità/Gleichstellung

La legge in corso d’approvazione contro quello che molto grossolanamente e sbrigativamente viene chiamato femminicidio è importante, ma sembra più adatta a soddisfare la pancia dell’opinione pubblica e a trovare un rimedio contingente senza però pensare a una soluzione in prospettiva.
In Italia regna ancora una mentalità profondamente maschilista. Gentili membri del parlamento, per combattere tale mentalità io avrei un’altra proposta: incoraggiamo l’occupazione femminile. È importante innanzitutto che le donne escano di casa, spengano la tv, si allontanino dalle faccende domestiche. Raggiungendo l’indipendenza economica una donna è più sicura di sé, e non accetterà tanto facilmente violenze, sapendo che può andarsene di casa-o cacciare il partner di casa.

Il lavoro inoltre è una forma di integrazione sociale. Manca spesso l’apporto femminile in ruoli di rilievo e in ambiti considerati tipicamente maschili. Per sostenere l’occupazione delle donne, permettiamo loro (e convinciamole) innanzitutto a lavorare anche dopo la gravidanza, e incoraggiamo i padri a prendersi il permesso di paternità, come fanno nei paesi del Nord, rendendolo economicamente più vantaggioso. I bambini si avvantaggerebbero di una maggiore vicinanza dei padri durante l’infanzia, e le donne potrebbero scegliere tra il ruolo di madre a tempo pieno o a tempo parziale-o meglio non sarebbero costrette a rinunciare alla famiglia o alla carriera. Allo stesso modo, allarghiamo il diritto al part-time, e la flessibilità dello stesso (in orizzontale, verticale, perfino obliquo).

Quando le donne avranno finalmente raggiunto l’effettiva parità, come conseguenza svanirà anche l’omofobia. Le donne sono omofobe solo quando sono maschiliste (come sono le vecchie nei paesi delle mie montagne), e in questi casi c’è poco da fare. Altrimenti, sanno bene quello che Marylin Monroe non aveva capito, cioè che non sono i diamanti i migliori amici delle donne, bensì i ,,moderni”. E sono sicuro che quando le donne raggiungeranno il potere, non sarà per lungo tempo: ben presto subentreranno i loro vice…ovviamente gay 😉

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s