Speranza/Hope

Prima di partire dall’Italia, col gruppo ado(lescenti) della parrocchia stavamo portando avanti una riflessione sulla speranza, e mi sono imbattuto su questa riflessione di Enzo Bianchi, priore della comunità di Bose.

Il verde è il colore della speranza perché verdi sono le piante. Le piante, per passare dal colore sbiadito del seme a quello vitale e brillante delle foglie, hanno bisogno di tempo. La speranza è l’atteggiamento del giardiniere e del contadino: piantare il seme e attendere che getti radici e diventi un essere verde, e tornare al momento giusto per raccogliere i frutti, o godere dell’ombra dei rami o della bellezza dei fiori, e nel frattempo però non abbandonare le piante a sé stesse, ma lavorare e curarsi di loro con costanza, senza avere la certezza matematica che tutto andrà per il meglio, magari la grandine o troppa acqua o la siccità rovinerà tutto, ma con una fiducia basata su una premessa (o una Promessa). La speranza è caparbia, positiva, attiva e sbilanciata pericolosamente verso il futuro.

Ho messo a dimora anch’io le mie piantine e raccoglierò i frutti fra qualche anno: ho ricevuto il mio progetto di ricerca di dottorato, dopo attento colloquio col mio futuro relatore. Essendo materialista, ai materiali mi dedicherò: l’obiettivo sarà migliorare la superficie di cateteri (=tubicini) polimerici (=di plastica) per evitare che proteine e cellule aderiscano e li occludano. Comincerò a fine maggio con un periodo di tirocinio in laboratorio per permettermi di considerare con attenzione se sono adatto e se mi piace il gruppo, poi ad ottobre inizierò il lavoro vero e proprio.

E per accogliere la bella stagione sul mio davanzale ho seminato viole, menta, narcisi, prezzemolo, basilico, per portare un po’ di vita in camera e ricordarmi che dal terreno scuro nascono fiori variopinti e che nero e colore sono separati da uno stelo verde, che si erge fragile ma dritto e ostinato e pieno di speranza verso l’alto. daffodilsForse il genio sta non tanto nell’essere come il fiore, che è l’obiettivo, e neppure tenere lo sguardo inchiodato verso il suolo, quanto nell’essere come lo stelo, ancorato a terra e proteso verso il futuro.

♣ ♣ ♣ ♣ ♣ ♣ ♣ ♣ ♣ ♣ ♣ ♣

Green is the colour of hope because plants are green. Once you lay your seeds in the ground, you have to wait for them to grow up. You will come back at dye time to pick up the fruits, or enjoy the flowers, or the shadow of the boughs. You never know if your efforts will succeed: hail, rain, droughts can destroy everything. Still you carry on trustfully. You can’t be unfaithful or mindless, you have to stick to a place: you have to come back regularly to check how things are going, you can’t bring plants along with you. Hope is an attitude like this, like a gardener: it’s hard-headed, positive, active and riskily bended towards the future.

I have prepared my seedbed as well and in some time I’ll pick up my fruits. I have been assigned my research project I’ll be developing for the next three years. I am a materialist, and materials will be my subject. I’ll modify the surface of small polymeric catheters in order to avoid them to get stuck by cell and protein adhesion. I’ll start with an introductory internship at the end of May and then, in October, the main project.

Accordingly, I’ve seeded pansies, mint, daffodils, parsley, basil in pots in my bedroom, to light it up with something reminding me nature, life and nice moments. Coloured flowers blossom from the dark soil, and so black and colors are joint by a green stalk, standing tiny and frail but stubborn and hopeful upwards. Maybe genius is not being not like the flower, which is the final goal, nor staring dully at the ground, but being like the stalk, anchored to the soil while reaching out for the future.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s